Visitando il nostro sito accetti il modo in cui usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza.
19/06/2014

Pneumatici senza senso… di rotazione!

Ci viene spesso chiesto quale sia il senso di rotazione degli pneumatici da kart LeCont e se vada seguita la doppia freccia stampata in bianco su un fianco dello pneumatico, oppure quella vulcanizzata nella gomma stessa, sull’altro fianco...

Ebbene, la risposta è semplice: né una né l’altra. La doppia freccia in questione, fa, infatti, semplicemente parte del marchio di fabbrica della LeCont e come tale viene stampata e vulcanizzata nei nostri prodotti.

In realtà, gli pneumatici karting della LeCont non hanno un vero e proprio senso di rotazione, poiché il loro battistrada - grazie ad una specifica tecnologia produttiva - non è tagliato ed incollato come in quasi tutti i prodotti concorrenti, ma è realizzato in un pezzo unico. Questo conferisce agli pneumatici LeCont una caratteristica più unica che rara in fatto di sicurezza: in nessun modo, infatti, potranno mai “dechapare” a causa dello scollamento del battistrada.

Potremmo quindi dirvi che poco importa come montiate gli pneumatici sul kart, poiché non c’è senso di rotazione. In realtà, però, un consiglio ve lo diamo lo stesso. Soprattutto per quello che concerne gli pneumatici posteriori delle categorie “Adulti” è consigliabile montare lo pneumatico con la scritta stampata in bianco all’esterno. È indifferente che lo montiate sulla ruota di destra, oppure su quella di sinistra (quindi con sensi di rotazione opposti) però soprattutto per la prima parte di vita dello pneumatico, montatelo preferibilmente secondo questo criterio. In tal modo lo avrete, infatti, montato con anche la linea di chiusura dello stampo all’esterno, ovvero il più lontano possibile dalla parte interna del battistrada che è, come noto, quella più sollecitata sui kart da competizione (privi di sospensioni e la cui motricità viene trasmessa da un unico assale, senza differenziale). In termini di prestazioni non cambierà nulla, ma in termini di longevità un po’ sì, poiché avrete allontanato la parte più “fragile” del battistrada (la linea di chiusura dello stampo) dal punto più sollecitato (l’interno). Insomma, non andrete più veloci, ma andrete più lontano...

I più “attenti” tra di voi noteranno che la suddetta linea di chiusura dello stampo, facilmente identificabile grazie ad una lieve asperità nel senso longitudinale del battistrada, è invece centrale sugli pneumatici anteriori e su quelli dei Minikart 60. Vero. Quelli potete veramente montarli come più vi aggrada.