Visitando il nostro sito accetti il modo in cui usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza.
30/06/2014

WE WON!!! Pikes Peak 2014: Romain Dumas + Norma + Honda + LeCont

Incredibile, eccezionale, fantastico, meraviglioso… L’emozione è tale che vengono meno gli aggettivi. Di certo non poteva cominciare meglio l’avventura della LeCont nel mondo delle corse d’auto d’alto livello.

Alla prima uscita col nostro nome nel mondo delle gare automobilistiche di caratura mondiale, alla prima partecipazione ad una tra le gare internazionali di maggiore spicco, sicuramente una tra le 15 più famose e popolari gare d’automobile al mondo (negli USA una celebre rivista specializzata l’ha recentemente classificata addirittura al terzo posto tra tutte le gare mondiali…) nonché seconda gara statunitense per anzianità dopo la 500 Miglia d’Indianapolis… la LeCont ha “sbancato” al primo colpo.L’azienda trentina si è infatti aggiudicata  la 92a edizione della celebre corsa in salita del Pikes Peak, purtroppo funestata da un incidente mortale tra i concorrenti motociclisti.

Un anno esatto dopo il trionfo di Sébastien Loeb nel 2013, un altro francese ha trionfato in Colorado (USA) nella mondialmente famosa “Corsa verso le nuvole”: Romain Dumas, per il quale il terzo tentativo è stato quello giusto. Voleva assolutamente vincere e lo ha fatto, calzando pneumatici LeCont!

Due settimane appena dopo il suo ritiro alla 24 Ore di Le Mans, dove aveva staccato il secondo miglior tempo in qualifica, il pilota ufficiale del programma Porsche 919 Hybrid nel WEC, s’è vendicato alla Pikes Peak, vincendo la più prestigiosa gara in salita al mondo al volante di una Norma M20 RD-Honda K20 turbo, equipaggiata con pneumatici radiali LeCont. Dumas ha completato i quasi 20 km del percorso (oltre 1400 metri di dislivello, con un arrivo a 4300 metri di quota) in 9’05’’801, dopo aver staccato un parziale eccezionale nella prima parte della salita (3’34’’ nei primi 8 km) e prima d’esser rallentato nella parte finale della salita da condizioni di scarsa aderenza che hanno favorito le più temibili vetture rivali, avvantaggiate dalla loro trazione integrale. Dumas ha comunque battuto i due ultrapotenti prototipi MIEV III elettrici-modificati, a quattro ruote motrici, iscritti ufficialmente dalla Mitsubishi Motorsport e pilotati dallo statunitense Greg Tracy e dal giapponese Hiroshi Masuoka.

«Per me, questa vittoria rappresenta la concretizzazione finale d’un progetto iniziato tre anni fa» – ha dichiarato Dumas, molto emozionato, dopo l’arrivo. «Per riuscirci, quest’anno, abbiamo modificato in diversi punti la vettura e scelto pneumatici diversi. Vincere qui mi ha regalato un’emozione identica a quella provata vincendo la 24 Ore di Le Mans. Sono semplicemente felicissimo. È difficile esprimere con parole l’emozione che provo dentro di me. Riuscirci rappresentava un sogno, che oggi è diventato realtà. È stato difficile, soprattutto nella parte finale del percorso, che era sporco e polveroso. Anche le elevate temperature odierne non ci hanno avvantaggiati. Non ho realizzato il tempo che avrei voluto e che era chiaramente alla nostra portata, da quanto avevamo visto in prova, ma ho conquistato la posizione che volevo ed è fantastico. Va benissimo così…».

Va benissimo anche alla LeCont ed è solo l’inizio. Come dice lo slogan dell’azienda trentina: THE BEST IS YET TO COME (il meglio deve ancora venire).